Ve l’avevo detto che stamattina, sarei stata io la cliente di Rosy! Ebbene si, ora posso ammetterlo, sono una microblandig-victim!!! Ora vi svelo ogni piccolo passaggio che Rosy fa su di me, e su di voi, ovvio. Ricapitoliamo però un po’ di cose:Mi raccomando, prima del trattamento di microblandig, non bisogna assumere caffeina, e farmaci, quali aspirina, paracetamolo e antiinfiammatori e tutti i sottofarmaci con lo stesso principio attivo.Il trattamento è molto semplice, all’inizio si sta in posa, con la crema anestetica, circa 15 minuti, Rosy nel frattempo, prepara il tavolo di lavoro, con i colori, un altro anestetico e dischetti di cotone per pulire mano mano il colore in eccesso, e lei la “Penna Magica” lo strumento per eseguire il microblanding, in maniera perfetta.   Una volta iniziato il lavoro, facendo il primo passaggio con la penna, e la pelle è pronta per il colore, con un dischetto di cotone si passa il secondo tipo di anestetico, utile per addormentare meglio la zona, in modo che gli aghetti, naturalmente sterili e monouso, possano prenetrare meglio. Voglio fare, però, una piccola premessa, non è affatto un dolore da mozzare il fiato, è più che sopportabile, inoltre essendo un lavoro dalla durata di un’ora e mezza circa, l’anestetico, sarà passato più volte. Comunque, tornando a noi, una volta passato l’anestetico Rosy ha potuto lavorare, dando profondità ed effetto 3D, per rendere il pelo, più naturale possibile. Una volta eseguito il lavoro base, ha iniziato ad alternare prima un occhio e poi l’altro, per rendere il lavoro identico e per avere ad entrambi gli occhi la stessa tonalità di colore, evitando così che un occhio assorba più colore, rispetto ad un altro.        Una volta terminato il lavoro, ha applicato una barriera di colore: questo passaggio è fondamentale, per rendere il colore uniforme, vivo e più naturale possibile. La posa ha la durata di 5 minuti di orologio, una volta suonato il timer, via tutto, e….  Sorpresa più tardi un video che vi svelerà tutto!!!!!          

Francy

Fondatrice ed ideatrice del Blog D di Donna, mamma e viaggiatrice incallita sia per passione che per lavoro.

La nascita di Dodo non ha fermato la mia passione per i viaggi, ora viaggio anche e soprattutto attraverso i suoi occhi.

Vi darò dei consigli nella rubrica “Vita da mamma”, dato che sono una mamma full time, anche se poi il tempo non mi basta mai, mentre nella rubrica “A spasso con Francy” vi racconterò dei paesi che ci sono nel mondo, visitati insieme alla mia famiglia e di idee per weekend e gite, perché per viaggiare non bisogna per forza allontanarsi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.