Viaggio nell’impressionismo

d di donna alla mostra impressionisti francesi

 

d di donna alla mostra impressionisti francesi
mostra degli impressionisti francesi

Domenica scorsa ho fatto un viaggio… Ho intrapreso un viaggio nell’impressionismo... Seppur restando a Roma, senza prendere aerei, treni o altri mezzi di trasporto, ho viaggiato in quello che per me è uno dei periodi artistici più belli: l’impressionismo.

L’impressionismo è una corrente artistica, nata a Parigi, a metà dell’800, la sua particolarità sta nel dipingere “en plein air” ovvero all’aria aperta.

La differenza con i colleghi dell’ere precedenti, i pittori impressionisti che seguirono questa corrente artistica, amavano dipingere fuori, non chiusi negli atelier, per ammirare e catturare ogni singola sfumatura che il paesaggio offriva.

Questa tecnica permetteva a loro di terminare un’opera in poche ore. Agli artisti, infatti bastava un momento particolare della giornata, come la luce del giorno,  per avvolgere personaggi, paesaggi e tutto ciò che il mondo fuori offriva.

La prima mostra fu nel 1863 e ben 153 anni dopo, nel Palazzo degli Esami, nel quartiere caratteristico di Roma, arrivano loro, i simboli di questa era, da Monet a Cezanne.

Le loro opere illustrate nella versione più moderna di questi tempi, un proiettore multimendiale, con musiche in sottofondo che ti riportano con la mente, in quella Francia, dove tutto era catturato con un tocco di pennello.

Un dipinto richiede un pò di mistero, un pizzico di vaghezza e della fantasia. Se rendi sempre l’interpretazione semplice ed evidente, finirai per annoiare. Edgar Degas

Non è un viaggio nell’impressionismo se a guidarlo non ci sia un  vero comandante. Al timone di questa mostra, non può mancare lui: Claude Monet.

Essere avvolti con i suoi dipinti all’aria aperta, i colori della sua natura illuminati nella sala, ti avvolgono come un caldo abbraccio. Le pennellate date velocemente sulla tela, catturano ogni piccola sensazione che l’artista prova e la proiezione le fanno arrivare a chi osserva questi capolavori artistici.

d di donna alla mostra impressionisti francesi
Vincent Van Gogh alla mostra degli impressionisti

 

Il viaggio dell’impressionismo, che si intraprende visitando questa mostra, accoglie anche chi non è francese di nascita, ma che in questa terra ha trovato la sua massima aspirazione artistica: Vincent Van Gogh, le sue opere proiettate, sono un’emozione unica.

Il ritratto di Zouave, seppur meno conosciuta come opera, rispetto a tante altre famose dell’artista olandese, ha il potere di riempire la sala.

d di donna alla mostra impressionisti francesi
ritratto di zouave opera meno nota dell’artista olandese

 

Il viaggio nell’impressionismo continua ammirando le opere di Renoir e di Cezanne, natura morta, donne ritratte e amici scomparsi in guerra, vi faranno continuare a viaggiare, per questo periodo, che nonostante sia segnato anch’esso da guerre, resta uno dei più belli per quanto riguarda l’arte.

Non abbiate timore di affrontare questo viaggio, non serve essere critici d’arte, per ammirare ciò che i nostri antenati hanno catturato, a loro bastava una tela e dei colori e poi il resto veniva da se.

Quel resto che loro hanno espresso è immortalato per sempre, ha un valore inestimabile, ma grazie alla mostra multimediale noi tutti abbiamo la possibilità di conoscere quell’era.

 

d di donna alla mostra impressionisti francesi
Van Gogh uno dei maggiori pittori fedeli all’arte dell’impressionismo

La mostra è aperta tutti i giorni e terminerà il 3 marzo, per info e costi potete visitare il loro sito: https://www.impressionistiroma.it/it

Se con voi ci sono bambini, non lasciatevi intimorire, la mostra è adatta anche a loro, grazie all’atmosfera informale, alla musica che risuona nella giusta tonalità, ma soprattutto grazie alle sale, grandi e spaziosi.

Ci sono panchine e dei tappetoni per sedersi, portate loro pastelli e un quaderno, in modo tale che non sporchino, e suggerite loro di esprimere tutta la loro fantasia nel disegnare…

Visitate questa mostra e fateci sapere attraverso i nostri canali social cosa ne pensate.

Alla prossima

Francy 

 

 

leggi anche:

Torino la città che non ci delude mai

8 thoughts on “Viaggio nell’impressionismo

  1. Gli impressionisti non mi stuferanno mai! All’università ho dato un esame su questi artisti ed è stato amore a prima vista: adoro il fatto che abbiano deciso di dipingere all’aperto e cogliere ogni sfumatura dato che cambiano le luci in base all’orario e alla stagione. E un pizzico di stravaganza non delude mai.

    Sono contenta che la mostra sia adata anche ai più: non è mai troppo presto ad avvicinarli all’arte!

    1. La loro voglia di respirare l’aria aperta e riportarla su tela è la vera magia di questa corrente… e poi dipingere ogni volta soggetti diversi con storie diverse in momenti diversi, pazzesco…
      la mostra è davvero adatta anche a chi non ha mai seguito o studiato l’arte.

    1. Se dovesse essere organizzata nella tua zona, vai e porta anche loro.
      Io visitai nello stesso complesso quella su Van Gogh insieme al mio bimbo, si è divertito tantissimo a disegnare i quadri che vedeva proiettati 😂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.