COME VESTIRE I BAMBINI IN SETTIMANA BIANCA…

   Tempo di vacanze oramai l’abbiamo detto e ridetto, ma parlandone sempre dal punto di vista turistico, informazioni riguardo posti da visitare, escursioni da fare e tutto ciò’ che una vacanza concerne. Reduce dal mio viaggio in Lapponia, con Dodo al seguito però, ho notato che vestire i bambini in vacanza delle volte diventa più complicato nell’organizzarla una vacanza. Il problema se siete diretti al mare non sussiste: costumi, magliette, ciabattine e crema solare, ed il gioco è fatto (o quasi dipende da che mamme siete), il vero problema è se si parte per la settimana bianca, dove ammettiamolo, siamo tutte terrorizzate che a causa delle basse temperature si possano ammalare, rischiando cosi, di rovinare la nostra vacanza.Non disperate mamme, qui di seguito troverete una lista di cose, testate personalmente da me, per Dodo con cui mi sono trovata benissimo, nella freddissima Lapponia, utilissime quindi per una settimana bianca in Trentino, Austria o  Piemonte!  ABBIGLIAMENTO INTIMO TERMICO: e’ la prima cosa che si acquista per una vacanza sulla neve, utilissimo, comodissimo gestire per quando scappa pipì e non solo, ma la cosa fondamentale è che il freddo non passa e voi potete stare tranquille. Come  si indossa? Facilissimo, grazie al consiglio di un’amica abituata a temperature rigide, la maglia termica si indossa senza canottiera sotto, ovvero deve stare a contatto con la pelle del nostro bambino, solo in questo modo l’intimo può funzionare davvero. Per cui niente crisi si panico, la canottiera si toglie!!!Stesso discorso per i pantaloni termici, apparentemente sono come un leggings, ma sono unisex, si indossano prima i pantaloni, i calzini andranno sopra, modello Olivia Newton John in physical, per capirci!!!Io ho acquistato tutto da Decathlon, reparto junior, prodotti ottimi, si possono lavare tranquillamente in lavatrice e si asciugano in fretta, cosa da non sottovalutare, inoltre occupano poco spazio in valigia e il risultato è garantito, Dodo non ha mai sofferto il freddo, e le sue spalle erano sempre calde. Io vi consiglio questi per la vostra settimana bianca. Inoltre, se i vostri bimbi fanno sport all’aria aperta, come per esempio calcio nel caso dei maschietti, o l’ippica, l’abbigliamento termico si può tranquillamente riutilizzare per lo sport.                                Sistemato l’intimo termico, passiamo all’abbigliamento, come li dobbiamo vestire per farli stare al caldo e comodi mentre sciano o giocano con lo slittino, o si esercitano in qualche altra attività sportiva? Sopra la maglia intima termica, dovrete fargli indossare una semplice felpa, l’importante è che all’interno ci sia il pile, uno dei materiali che li protegge di più dal freddo.Io ho acquistato delle felpe della Chicco, oltre all’efficienza del materiale, cotone fuori e pile all’interno appunto, Dodo non hai mai avuto freddo, posso garantire la comodità nell’indossarla grazie alla zip, e il cappuccio indispensabile per quando tira il vento, o per l’aria condizionata dell’aereo, ma soprattutto molto comodo per tragitti brevi, come per esempio il tragitto dalla fermata della navetta all’entrata dell’hotel. In questo modo evitate di mettere i cappellini sopra il passamontagna. Un acquisto davvero molto utile e anche questo riutilizzabile non solo per la montagna, ma anche per tutti i giorni a scuola, per quando il freddo arriverà anche in città.                           L’ho appena nominato, il PASSAMONTAGNA, serve eccome, non sottovalutate questo accessorio, perché ve ne pentirete, non è bellissimo esteticamente, lo so, ma è un salvavita per quando le temperature scendono, con un unico accessorio poi, riuscite a tenere al caldo gola, naso e fronte, ovvero i punti in cui i bambini si ammalano di più. Anche per questo accessorio mi sono rivolta a Declathon, prendendo però quello basic, il modello nero, anch’esso in pile, mi raccomando. Da mamma, ve lo consiglio, con un accessorio tenete tutto al coperto, ma vi anticipo che i bambini non sono entusiasti nell’indossarlo: purtroppo non si può togliere solo la parte superiore o tutto o niente,  non è quindi il massimo della comodità, ripeto: per loro!Una cosa importante, fate comunque indossare un cappellino ai vostri bambini, meglio se di lana, oppure con il pile interno, niente pon pon, mi dispiace per le vostre bimbe, ma sono davvero scomodi.  In questo modo, non dovrete più preoccuparvi del freddo, delle temperature, del vento e del gelo, fate indossare una tuta da neve ai vostri bambini e saranno pronti per delle giornate indimenticabili. Cio’ che ho scritto per i vostri bambini, può essere usato anche per voi Mamme, nel senso che il procedimento non cambia, io stessa per il viaggio ho indossato lo stesso abbigliamento di Dodo, ovviamente con taglie diverse, ma sempre intimo termico, felpa in pile, passamontagna, specialmente per il giro in motoslitta e il berretto, il mitico berretto del #beatame.    Se avete domande o qualche dubbio contattatemi pure, dopo il Polo Nord, sono diventata un’esperta del freddo! Vi ricordo i nostri contatti:Pagina Facebook D di Donna, gruppo Facebook Il salotto DdiDonna e il nostro indirizzo mail: info.ddidonna@gmail.com  Alla prossima Francy           

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.